Intervista ESCLUSIVA a Andrea Franco Alajmo: “Amo fare il paparazzo”

0
64

Andrea Franco Alajmo si è voluto raccontare con il direttore di Trash Magazine, Valerio Riccobono.

Il giovane paparazzo ha voluto raccontare come si vive da paparazzi e ha raccontato quale esperienza particolare: “Fare il paparazzo vuol dire vivere di notte. E non mollare mai”

Ecco cosa ha risposto Andrea alle domande del direttore:

Da dove nasce la passione per la fotografia?

– “La mia passione per la fotografia nasce con i racconti di mia mamma e mia nonna su mio nonno, Franco Alaimo, uno dei primi paparazzi della storia. Io restavo affascinato nel sentire le sue avventure e già da piccolo il mio sogno era seguire le sue orme.

Perché non fotografare paesaggi ma vip?

– “I paesaggi? Non fanno per me.. nemmeno le modelle in posa. Io voglio l’adrenalina, voglio cacciare le mie prede, voglio il rischio e poi la soddisfazione della vendita!.”

Pensi di aver realizzato tutti i tuoi sogni?

– “Li ho realizzati quasi tutti! Lavorativamente parlando tutti! Nella vita privata forse ne ho ancora qualcuno.”

Ci si affeziona alle proprie foto? Quale è quella che più ami?

– “Solitamente mi affeziono a quelle che mi hanno fatto guadagnare di più! Come per esempio il primo bacio tra Barbara Berlusconi e Pato! Fu un grande scoop. Poi ce ne sono molte altre a cui sono legato e che mi hanno permesso di riempire i giornali del mondo con personaggi internazionali.”

Quale dei personaggi che hai ritratto ti sono rimasti nel cuore?

– “Rimasti nel cuore pochi.. ci sono molti amici e amiche che ho ritratto e a loro comunque voglio bene. Del resto non me ne frega molto. Quando li fotografo li vedo solo come banconote che camminano! Però posso dire che molte foto mi ricordano dei bei momenti!.”

C’è una foto che non rifaresti?

– “Si.. anzi no! Le rifarei lo stesso ma probabilmente le gestirei in maniera diverse! Le foto di cui sto parlando purtroppo 11 anni fa mi portarono parecchi guai con la giustizia.”

Come riesci a essere ovunque?

– “Diciamo che ho occhi e orecchie ovunque!! E molti informatori.”

Quale foto ti sei lasciato sfuggire e te ne sei pentito?

– “Fortunatamente poche. Il segreto per essere un buon paparazzo è quello di saper cogliere l’attimo e in questo mi ritengo abbastanza bravo! Forse mi sono perso qualche bacio ogni tanto ma fortunatamente sono sempre riuscito a rimediare poco dopo.”

Quando è cominciata la tua carriera?

– “La mia carriera è cominciata nel 2007/2008 non ricordo precisamente, quando per Antonella d’Agostino dovetti trattare un’esclusiva con un certo Fabrizio corona. Da lì presi contatti con lui e realizzai il sogno che avevo fin da bambino di fare questo lavoro.”

Vuoi raccontarci uno o più episodi curiosi della tua vita da paparazzo?

– “Ce ne sarebbero troppi! Ci vorrebbe un intero libro.”

Grazie Andrea per esserti raccontato con noi!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here